Home » CBD: le basi » 4 cose da sapere sul CBD

4 cose da sapere sul CBD

La maggior parte delle persone ha sentito parlare del THC, che è la componente psicoattiva della cannabis. Ma ultimamente, l’attenzione si è spostata su un’altra componente, il CBD, e ciò è accaduto per una buona ragione.

È difficile per alcuni medici guardare oltre certi effetti collaterali del THC, il CBD invece sembra non avere effetti collaterali ed è infatti legale. Inoltre vi sono prove sempre maggiori dei benefici terapeutici del CBD.

Ecco alcune cose che tutti dovrebbero sapere su questa sostanza:

1. Il CBD è uno dei componenti più importanti della cannabis

Il CBD è uno degli oltre 60 elementi che si trovano nella cannabis e appartiene a una classe di molecole chiamate cannabinoidi. Tra questi elementi, il CBD ed il THC sono presenti nelle più alte concentrazioni, e sono quindi i più conosciuti e meglio studiati.

I livelli di CBD e THC variano da pianta a pianta. La marijuana ricreativa contiene spesso più THC che CBD.

Tuttavia, utilizzando tecniche di selezione, gli allevatori di cannabis sono stati in grado di produrre varietà con livelli di CBD più alti e minime tracce del principio attivo THC. Questi ceppi sono rari ma sono diventati incredibilmente popolari negli ultimi anni in quanto sono incredibilmente benefici.

2. Il CBD non è psicoattivo

A differenza del THC, il CBD non altera il proprio stato mentale, non rende euforici, in poche parole non “sballa”. Il CBD è quindi una cattiva scelta se si vuole solo fumare per divertimento. Tuttavia ha significativi benefici terapeutici in quanto i medici preferiscono trattamenti con pochi effetti collaterali.

Il CBD non è una sostanza psicoattiva e non funziona come il THC. Il THC raggiunge i recettori CB1 del nostro sistema endocannabinoide, che hanno alta concentrazione soprattutto nel cervello.

Uno studio pubblicato su Current Drug Safety nel 2011 conclude che il CBD “non interferisce con le funzioni psicomotorie e psicologiche”. Gli autori aggiungono che svariati studi dimostrano come il CBD non sia dannoso nemmeno a dosi elevate.

3. Il CBD ha diversi benefici terapeutici

Sebbene il CBD e il THC influenzino il corpo in modo diverso, sembrano avere molti degli stessi effetti medici. Secondo uno studio pubblicato nel British Journal of Clinical Pharmacology nel 2013, il CBD ha le seguenti caratteristiche:

  • Diminuzione della la nausea e del vomito
  • Soppressione dell’attività convulsiva
  • Controllo dei disturbi psicotici
  • Controllo delle malattie infiammatorie
  • L’antiossidante combatte le malattie neurodegenerative
  • Lotta anti-tumorale
  • Controllo ansiolitico / antidepressivo

Sfortunatamente, la maggior parte di queste prove proviene da test su animali, poiché sono stati condotti pochissimi studi di CBD sugli esseri umani. Tuttavia, questo significa che è possibile dare CBD ai vostri animali domestici, come cani o gatti.

Una versione farmaceutica del CBD è stata recentemente sviluppata da un’azienda farmaceutica nel Regno Unito. GW Pharmaceuticals sta finanziando studi clinici sul CBD per il trattamento della schizofrenia, della sclerosi multipla e dell’epilessia.

Allo stesso modo, un team di ricercatori del California Pacific Medical Center guidato da Drs. Sean McAllister ha affermato che spera di iniziare le prove per l’impiego del CBD come trattamento contro il cancro al seno.

4. Il CBD riduce gli effetti negativi del THC

Numerosi studi indicano che il CBD sembra fornire una protezione naturale contro gli effetti collaterali del THC, come i disturbi della memoria e la paranoia.

La CBD sembra anche contrastare gli effetti del THC che inducono il sonno, il che potrebbe spiegare perché alcuni ceppi di cannabis sono noti per aumentare la concentrazione.

Tuttavia, sia il CBD che il THC non consentono il sovradosaggio fatale. Per ridurre i potenziali effetti collaterali del THC, si può utilizzare la cannabis con livelli di CBD più alti per la terapia.

Riferimenti

  1. Ledgerwood, C. J., et al. “Cannabidiol inhibits synaptic transmission in rat hippocampal cultures and slices via multiple receptor pathways.” British journal of pharmacology 162.1 (2011): 286-294.
  2. Iffland, Kerstin, and Franjo Grotenhermen. “An update on safety and side effects of cannabidiol: a review of clinical data and relevant animal studies.” Cannabis and cannabinoid research 2.1 (2017): 139-154.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + 1 =

torna a inizio pagina