Cos’è e come si usa l’estratto di canapa.

Ultimo aggiornamento in data Ottobre 18, 2021 da Maxwell Harris

Cos’è la cannabis?

La cannabis è stata usata in medicina per migliaia di anni e la sua storia risale al 2700 a.C., si ritiene che sia documentata nei libri di medicina cinese. Purtroppo, la cattiva reputazione della cannabis ha cominciato a diffondersi durante la prima metà del XX secolo, che ha preceduto la pianta medicinale stessa, portando di conseguenza alla proibizione in molti paesi.

Oggi, tuttavia, la coltivazione della canapa sta tornando ad essere accettabile e molti pazienti stanno ora consapevolmente optando per il trattamento con la cannabis al posto dei farmaci di sintesi.

Si dice che l’estratto di canapa aiuti contro molte malattie e soprattutto i pazienti che soffrono di dolori e infiammazioni croniche traggono beneficio dall’applicazione. Questo articolo spiega esattamente cos’è l’estratto di canapa, come viene prodotto e quali effetti ci si può aspettare dall’assunzione.

Cos’è l’estratto di canapa?

L’olio di estratto di canapa, noto anche come olio CBD, ha numerose proprietà positive. Ad esempio, può essere usato per il rilassamento in caso di ansia o stress, o come antidolorifico con effetti collaterali minimi nel dolore cronico. Poiché l’olio è quasi completamente privo di THC, non rientra nella legge sugli stupefacenti.

Come viene prodotto l’estratto di CBD?

L’estratto è fatto fondamentalmente schiacciando i fiori di canapa e aggiungendo solventi come etere, butanetiolo, alcool isopropilico al 99% o naftalina. Tuttavia, è anche possibile produrre l’estratto senza solventi, il che comporta fasi più complesse.

Preparazione dell’estratto usando solventi

Nella prima fase, i fiori e le foglie secche di canapa vengono messi in un contenitore. Poi si aggiunge il solvente selezionato e si schiaccia con un pezzo di legno non trattato o un oggetto simile. Poiché il materiale di canapa è imbevuto, la triturazione avviene senza sforzo. Successivamente, si aggiungono altri solventi fino a quando le foglie e i fiori di canapa non sono completamente imbevuti e coperti. Infine, la miscela viene mescolata vigorosamente per circa tre minuti in modo che il THC passi nel solvente. Inoltre, per rimuovere il THC, si aggiungono 500 ml di solvente ogni 30 g di fiori.

Questa miscela viene poi trasferita in un altro recipiente. In questa fase del processo di estrazione, circa l’80% del THC viene lisciviato dalla miscela. Nella fase successiva, si aggiunge altro solvente e si mescola di nuovo vigorosamente per tre minuti, fino a quando l’ultimo residuo di THC viene estratto. Infine, la miscela viene versata attraverso un filtro per il caffè o un setaccio fine in un contenitore pulito per il successivo processo di ebollizione.

Per ridurre il tempo e accelerare il processo, si usa un cuociriso. Circa ¾ del composto tritato viene poi cotto al suo interno fino a quando il composto non è completamente evaporato. Il restante composto viene aggiunto gradualmente al cuociriso fino a quando non è completamente evaporato. È importante che questa operazione venga effettuata solo in un locale ben ventilato, in modo che anche i vapori in aumento vengano estratti da un ventilatore.

Una volta che la superficie dell’impasto è ridotta al minimo dopo l’ultima aggiunta, è necessario aggiungere qualche goccia di solvente. 10 gocce sono sufficienti per circa 0,5 kg. Questo rimuove gli ultimi residui di THC e protegge anche l’olio dal surriscaldamento.

Se nella pentola del riso ci sono solo 2-3 cm circa di miscela, è importante mescolare fino a quando l’intero solvente non è completamente bollito. Quando il solvente è completamente evaporato, la piastra deve essere regolata ad una temperatura più bassa. In nessun caso la temperatura deve essere più calda di 140°C.

Infine, ma non meno importante, l’olio può essere versato dal cuociriso in un contenitore di acciaio inossidabile e poi messo in un disidratatore. Se non ne avete uno, potete anche riscaldare l’olio a bassa temperatura, per esempio su una stufa per caffè. Poche ore dopo, l’acqua evaporerà completamente. L’olio è adatto quando non c’è attività visibile sulla superficie dell’olio. L’olio può quindi essere conservato in un contenitore adatto o in una siringa, il dosaggio è facilitato dalla conservazione nella siringa.

Produzione con supercritica CO2

In questo processo, per l’estrazione vengono utilizzati gas CO2 (anidride carbonica). Questo metodo è noto anche come “estrazione ad alta pressione” o “SFE” (Supercritical Fluid Extraction). La particolarità di questo metodo è che i materiali vengono separati molto delicatamente. Questo processo è stato utilizzato per la prima volta nella decaffeinizzazione del caffè perché ha permesso di filtrare la caffeina senza intaccare gli altri componenti. Se il gas viene riscaldato al di sopra del punto critico con questo metodo, si trasforma nel cosiddetto stato “supercritico”, in cui non è più possibile distinguere se è liquido o gassoso.

Questo metodo utilizza spesso l’anidride carbonica perché il punto critico è di 31 gradi e si raggiunge una pressione di circa 74 bar. Il calore ideale è quindi solo leggermente al di sopra della temperatura ambiente. Questo metodo si è dimostrato particolarmente utile per i tessuti ad alta sensibilità al calore.

Estratto prodotto con Alcool

Un estratto può essere fatto anche con alcol. Per questo, i fiori di canapa essiccati vengono messi in alcool puro. È importante cambiare i fiori più volte fino a quando la concentrazione di CBD richiesta non è presente nell’alcool. Tuttavia, questo processo è molto complesso e intenso. Inoltre, è possibile solo perché i cannabinoidi sono solubili in alcool.

Produzione tramite olio

In questo metodo, i fiori di canapa essiccati sono imbevuti di olio di semi di canapa. Anche in questo caso, i fiori devono essere cambiati fino a 50 volte fino a quando la concentrazione necessaria è contenuta nell’olio. Simile al processo di estrazione con l’alcool, anche questo metodo è molto complesso, quindi possibile perché i cannabinoidi non sono solo solubili in alcool ma anche in olio.

Effetti e usi dell’estratto di canapa

Ciò che è interessante per l’uso quotidiano da banco non è l’inebriante THC (tetraidrocannabinolo) ma il cannabidiolo (CBD). La particolarità del CBD è che non ha assolutamente alcuna proprietà psicoattive ed è quindi liberamente in vendita. Incoraggiantemente, c’è un aumento delle ricerche condotte per studiare i diversi effetti positivi del CBD. Pertanto, è già chiaro che il prodotto naturale puro sta diventando sempre più popolare.

L’estratto di canapa può curare molte malattie e spesso anche curarle. Inoltre, non ci sono effetti collaterali da aspettarsi quando lo si assume, molto diversi da quelli che si hanno con una compressa di aspirina, dove alcune persone perdono la vita dopo averlo assunto. L’estratto è innocuo e favorisce sia la salute che il benessere.

La cannabis è generalmente conosciuta come un efficace antidolorifico e sedativo, ma può anche essere usata per alleviare i crampi se, ad esempio, è presente la sclerosi multipla. Può anche servire come stimolatore dell’umore ed essere efficace contro la depressione.

Una caratteristica speciale è che non c’è alcun effetto di assuefazione quando si prende l’olio, come nel caso di altri antidolorifici. Uno studio pubblicato sul “Journal of Experimental Medicine” è stato in grado di dimostrare che non vi è alcun effetto di assuefazione anche in caso di uso prolungato, cosa particolarmente importante per le malattie dolorose croniche come i reumatismi.

Il dosaggio giornaliero raccomandato del prodotto deve essere sempre seguito. Per facilitare l’assorbimento dei principi attivi nel corpo il più rapidamente possibile, è sempre consigliabile mettere le gocce sotto la lingua.

All’inizio è consigliabile iniziare con meno gocce e avvicinarsi lentamente alla dose consigliata fino a quando non si verifica un effetto. L’estratto può essere assunto per via orale e può anche essere applicato direttamente sulle articolazioni per alleviare il dolore. Tuttavia, non è raccomandato per i bambini di età inferiore ai 15 anni e per le donne in gravidanza o che allattano.

L’olio ricavato dall’estratto è particolarmente ricco di flavonoidi, CBD, fenoli, minerali, vitamine e acidi grassi omega-3 e omega-6. Il gusto è piuttosto delicato alla nocciola. Anche se il gusto non è per tutti, si dovrebbero considerare consapevolmente i numerosi benefici per la salute derivanti dal godimento della canapa.

Riferimenti

  1. Xiong W, Cui T, Cheng K, et al. Cannabinoids suppress inflammatory and neuropathic pain by targeting α3 glycine receptorsJ Exp Med. 2012;209(6):1121–1134.
  2. Burstein SH, Zurier RB. Cannabinoids, endocannabinoids, and related analogs in inflammationAAPS J. 2009;11(1):109–119.
  3. A Guide To Supercritical CO2 Extraction Of Cannabis Oil – Hemp Gazette (2020).

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

1 × 2 =