Ultimo aggiornamento in data Agosto 28, 2020 da Maxwell Harris

Quasi nessun altro argomento ha recentemente attirato l’attenzione come la cannabis medica e i suoi ingredienti THC e CBD. Ma quali sostanze sono il THC e il CBD, come funzionano, in che modo il THC differisce dal CBD e perché CBD e THC non sono uguali? Il seguente articolo affronta questo problema e fornisce risposte a queste domande.

Qual è la differenza tra THC e CBD?

Anche se il THC e il CBD si trovano nella stessa pianta (cannabis), hanno proprietà farmacologiche fondamentalmente diverse. Il THC è particolarmente euforizzante, psicotropo, antiemetico e antidolorifico, mentre il CBD ha proprietà antispasmodiche, antiepilettiche, neuroprotettive e antiossidanti. Terapeuticamente, entrambi sono stati usati in medicina, in particolare negli ultimi anni.

I ceppi di cannabis contenenti THC sono soggetti a prescrizione medica e all’ordinanza sugli stupefacenti, mentre il CBD può essere acquistato tranquillamente presso i negozi online di CBD.

Parliamo di cannabis

Entrambe le sostanze, CBD e THC, sono prodotte da una pianta che è stata usata in medicina per migliaia di anni. La canapa (cannabis Sativa) è una pianta erbacea annuale e forma i due principi attivi THC e CBD. Entrambe le sostanze appartengono alla classe dei cannabinoidi, sostanze che si legano ai cosiddetti recettori dei cannabinoidi nel corpo. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, ce ne sono due, il recettore CB1 e il recettore CB2 (CB sta per cannabinoide). Il corpo stesso forma anche delle connessioni che sono in grado di legarsi a questi recettori e di innescare un effetto fisiologico. Il THC e il CBD non sono prodotti dall’uomo stesso, ma possono comunque interagire con questi recettori e innescare un effetto farmacologico.

Per estrarre THC e CBD, le infiorescenze delle piante femminili devono essere prima raccolte. Diverse concentrazioni di THC possono essere contenute in diverse varietà di canapa. La quantità di THC o CBD non è ovviamente sempre esattamente la stessa, ma con le rispettive varietà di THC/ CBD è ancora possibile prevedere esattamente il rapporto tra CBD e THC.

Che cos’è il Δ9-tetraidrocannabinolo o il THC?

Il THC è probabilmente uno dei composti chimici più conosciuti al mondo ed è stato sintetizzato per la prima volta in forma pura nel 1964. A seconda del dosaggio, il THC ha un effetto psicotropo, antiemetico, analgesico ed euforico più o meno forte nel corpo umano. Questo non solo è noto fin dalla prima sintesi di THC nel 1964, ma è stato usato per secoli. Il tetraidrocannabinolo è una sostanza altamente lipofila e può essere facilmente ottenuto in grandi quantità da materiale vegetale adatto utilizzando solventi organici e solo debolmente polari. La purificazione e la separazione del solvente dal THC dà THC puro al 100%. La quantità rapidamente crescente di dati disponibili sul composto attraverso esami e studi farmacologici ne permette l’uso in medicina. Le principali indicazioni sono nausea, vomito e cachessia nel cancro, per i quali esistono attualmente molti studi. Il THC è usato anche per il dolore spastico nel contesto della sclerosi multipla, per la perdita di appetito dei pazienti affetti da HIV / AIDS e per le condizioni di dolore cronico e neuropatico. Le dosi scelte sono di solito molto basse e gli effetti psicoattivi sono praticamente inesistenti. Tuttavia, la risposta al composto può essere molto diversa da individuo a individuo. Alcune persone saranno più sensibili al THC e sentiranno l’effetto psicoattivo anche usando una piccolissima quantità di THC.

Effetti collaterali del THC

Gli effetti collaterali del THC osservati finora sono per lo più correlati al dosaggio e comprendono debolezza generale, palpitazioni, battito cardiaco rapido e vasodilatazione con un calo della pressione sanguigna. L’effetto psicoattivo può manifestarsi sotto forma di nervosismo, confusione, allucinazioni, pensiero anormale ed euforia. Tutto sommato, il potenziale di dipendenza per le suddette indicazioni è classificato come basso. In caso di dipendenza, possono verificarsi sintomi di astinenza se non si assume THC.

Cos’è il cannabidiolo o CBD?

Il CBD è molto apprezzato da un po’ di tempo. Numerosi negozi CBD hanno aperto in molti paesi e pubblicizzano il successo del CBD. Come il THC, il CBD è un composto lipofilo e, come quasi tutti i cannabinoidi, può essere estratto dalle piante con solventi organici. La differenza tra CBD e THC è che il CBD non ha effetti psicotropi. Il noto effetto del CBD è principalmente antiepilettico, neuroprotettivo e antiossidante. Il CBD è approvato in un dosaggio molto elevato per le forme rare di epilessia nell’infanzia. Le quantità di CBD contenute nell’olio CBD sono molte volte inferiori. Le aree di applicazione del CBD, spesso pubblicizzate, non sono state scientificamente provate e mancano di solide basi. Tuttavia, il CBD può essere efficace in molte malattie, dall’addormentamento alla sindrome dell’intestino irritabile e alleviare efficacemente i sintomi del paziente. Un grande vantaggio è la completa mancanza di effetti psicoattivi del CBD rispetto al THC. Non sono stati osservati effetti collaterali di questo tipo anche in quantità più elevate. Al contrario, il CBD sembra addirittura bloccare gli effetti psicoattivi del THC, come dimostrano gli studi sui prodotti misti. Mentre il CBD era inizialmente disponibile nelle farmacie, la riclassificazione del CBD dell’UE come “novel food” ha portato al divieto di vendita di olio di CBD da parte delle farmacie. Di conseguenza, i negozi di CBD si sono assunti questo compito e stanno vendendo CBD con grande successo.

Effetti collaterali del CBD

Gli effetti collaterali comuni del CBD sono sonnolenza e vertigini. Il CBD può causare disagio, diarrea e perdita di appetito, soprattutto all’inizio dell’assunzione. In dosi più elevate, come quelle usate nell’antiepilettico Epidiolex, sono stati registrati anche questi effetti collaterali del CBD, così come il vomito e la febbre. L’effetto reciproco tra CBD ed enzimi epatici CYP, che hanno un ruolo importante nella degradazione di numerosi farmaci, è meno noto fino ad oggi. Questo effetto di blocco da parte del CBD colpisce i dueCYP enzimi, il CYP2C9 e il CYP2C19. L’effetto dei farmaci può essere aumentato dal CBD ed eventualmente portare ad un aumento degli effetti collaterali. In questi casi, si raccomanda di assumere il CBD sotto controllo medico.

Conclusioni

Sia il THC che il CBD appartengono al gruppo dei cannabinoidi. I cannabinoidi sono ingredienti vegetali secondari che si formano in speciali varietà di canapa e sono anche ottenuti da esse. La cannabis contiene più di 100 cannabinoidi, ma i più importanti sono il THC e il CBD. Entrambi sono usati in medicina e per guarire o alleviare malattie, ma solo il THC ha un può creare dipendenza ed è soggetto all’ordinanza sugli stupefacenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

quattro + undici =