Facebook

Negli ultimi anni i ricercatori si sono interessati al rapporto che esiste tra la CBD e la COPD. Infatti, sono in corso anche altri studi per accertare come la CBD possa essere utilizzata nel trattamento della BPCO. Dopo tutto, è stato stabilito che può essere utile nel trattamento delle infiammazioni, nella gestione del dolore cronico e nel trattamento della depressione. Anche se gli studi sono ancora in corso, ci sono prove sufficienti per indicare che la CBD può contenere la risposta al trattamento della BPCO. In questo articolo, vi racconteremo tutto sull’uso della CBD nel trattamento della BPCO

Cos’è la BPCO?

BPCO è l’acronimo di broncopneumopatia cronica ostruttiva. È una condizione che causa l’infiammazione dei sistemi polmonari, compreso il polmone. La malattia rende difficile la respirazione di questi pazienti, il che influisce gravemente sulla loro qualità di vita e sulla loro produttività. Nei casi più gravi, la malattia è nota per causare la morte, soprattutto se non viene gestita in modo efficace.

Oltre a causare l’infiammazione delle viee aeree, la BPCO fa sì che si produca un eccesso di muco che blocca il passaggio dell’aria. L’eccesso di muco riduce ulteriormente la capacità respiratoria del paziente con BPCO, poiché finisce per bloccare le vie respiratorie. Questo riduce la quantità di ossigeno che viene fornita agli organi del corpo, rendendo così la vita difficile a chiunque soffra di questa condizione.

La BPCO è causata da sostanze irritanti che danneggiano le vie respiratorie e il polmone. Il fumo è noto per essere la causa principale della BPCO esponendo i fumatori al più alto rischio di contrarre la BPCO. Se non trattata, questa condizione può deteriorarsi e persino portare alla morte. L’enfisema e la bronchite sono tra le malattie comuni legate a questa condizione.

Non esiste ancora una cura nota per la BPCO. I medici curano i pazienti affetti da BPCO gestendo i sintomi e contribuendo a ridurre il disagio che essi hanno. Infatti, vari rapporti indicano che la BPCO è una delle principali cause di morte nel mondo.

Quali sono i sintomi comuni della BPCO?

I sintomi della BPCO sono simili a quelli dell’asma e della bronchite. Essi includono l’accumulo di muco, la tosse cronica, il respiro affannoso e una anomala pressione del torace. La persona colpita potrebbe anche lamentarsi di affaticamento, avere le labbra blu (cianosi) e soffrire di mancanza di respiro.

L’esecuzione di un test polmonare è il modo migliore per accertare se il paziente ha la BPCO. Questo test è noto come spirometria. Misura la quantità di aria che un paziente sta respirando e quanto sta respirando.

Cos’è il CBD?

CBD sta per cannabidiolo. È un estratto medico della cannabis che gli esperti trovano sempre più utile per affrontare varie condizioni di salute, tra cui il dolore e le infiammazioni. Gli esperti hanno scoperto che la cannabis e in particolare il cannabidiolo, hanno importanti effetti sulla salute.

La maggior parte delle persone associa la marijuana agli effetti psicoattivi. Il THC è uno dei cannabinoidi che si trovano nella cannabis e che fa sì che i consumatori sperimentino i famosi effetti psicoattivi. Anche se è il componente della cannabis sativa che ha effetti psicoattivi, il THC ha anche dimostrato di avere benefici medici se usato nelle giuste dosi.

Il THC è escluso dalla maggior parte dei prodotti CBD, in modo che i pazienti possano beneficiare del cannabidiolo senza sperimentare gli effetti psicoattivi del THC.

IL cannabidiolo (CBD) è una delle sostanze che gli esperti stanno studiando in merito a questa patologia. Anche se la maggior parte dei consumatori di cannabis fuma o “svapa”, i pazienti affetti da BPCO possono mettere maggiormente a rischio la loro salute se la utilizzano il CBD in questa forma.

Il CBD è prodotta in altre forme come oli, bevande, capsule e creme. Queste sono le forme che gli esperti utilizzano per trattare la BPCO.

In che modo il CBD può giovare ai pazienti affetti da BPCO?

Come broncodilatatore

Il CBD è considerata una possibile cura per i pazienti affetti da asma e BPCO, dove può essere utilizzata per dilatare le vie respiratorie. Questi pazienti soffrono di più quando il canale respiratorio si restringe o si ostruisce, riducendo la quantità di ossigeno che lasciano passare.

Quando vengono dilatati con il CBD, passa più aria, il che riduce i sintomi della malattia. La dilatazione con CBD può anche ridurre la gravità della patologie respiratorie e minimizzare i loro effetti collaterali.

Come antinfiammatorio

Il trattamento della BPCO con il CBD si concentra sulla capacità del CBD di ridurre l’infiammazione. La BPCO porta ad una infiammazione dell’apparato respiratorio. L’uso del CBD aiuta a gestire e trattare l’infiammazione.

Quando l’infiammazione ai polmoni si riduce, il polmone può svolgere bene la sua funzione e garantire che il sangue ossigenato sia distribuito in tutto il corpo. Questo è un bene per le persone con BPCO in quanto con una migliore ossigenazione si sperimentano un alleggerirsi della sintomatologia.

Per alleviare il dolore.

Quando le vie respiratorie sono infiammate e ostruite, possono causare notevoli dolori al petto, specialmente con pazienti che soffrono di asma o malattia polmonare ostruttiva cronica. È stato dimostrato che il CBD riduce questo dolore, rendendo la vita più sopportabile per queste persone.

Come antidepressivo

Uno degli effetti della BPCO è la conseguente depressione e ansia. Questo accade quando la qualità della vita del paziente si deteriora, cominciando a dipendere dalla famiglia e dagli amici nella vita quotidiana.

Il CBD è sicuramente molto efficace nella sua azione contro ansia e depressione. Permette infatti al soggetto di sperimentare una maggiore calma e tranquillità psicologica.

Come si usa il CBD per trattare la BPCO?

Come già detto, il fumo e la vaporizzazione possono essere pericolosi per la vita delle persone con BPCO e qualsiasi altra malattia polmonare e polmonare. Per beneficiare del CBD, è possibile assumerlo sotto forma di capsule. Le capsule sono la soluzione migliore in quanto non vanno ad interferire con il funzionamento dei polmoni.

In alternativa, è possibile assumere gocce di olio di CBD. Mettete alcune gocce sotto la lingua e lasciatele lì per circa 30 secondi prima di inghiottirle. Questo è particolarmente efficace nell’alleviare il dolore grave, poiché funziona velocemente. Noterete un calo del dolore entro 30 minuti.

Riferimenti

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

20 − dodici =