Si può costruire una tolleranza alla CBD?

Ultimo aggiornamento in data Aprile 21, 2021 da Maxwell Harris

Una delle principali domande che le persone che usano il CBD si pongono è: “Se prendo regolarmente prodotti CBD, posso costruire una tolleranza?

La tolleranza è uno stato in cui si ha bisogno di più di un prodotto per raggiungere uno stato di soddisfazione o di beneficio che si potrebbe ottenere con una quantità inferiore inizialmente. In termini più semplici, la tolleranza è quando si inizia a vedere meno benefici da un importo che prima era efficace.

La preoccupazione di costruire una tolleranza alla CBD deriva dal fatto che essa è strettamente legata alla cannabis, in quanto ne fa parte.

CBD vs THC

Il THC è un componente psicoattivo che si trova nella cannabis. Il THC è responsabile dell’aumento della tolleranza negli utenti in quanto si lega ai recettori endocannabinoidi all’interno del corpo. Questi recettori hanno un impatto sul sistema immunitario e nervoso, così come sull’umore. La forza del THC si lega ai recettori è responsabile della tolleranza costruita a lungo termine. Il corpo richiede più del THC per ottenere gli stessi benefici, da cui gli elementi che creano dipendenza. Poiché il CBD non contiene THC, significa che gli utenti non possono costruire una tolleranza sul prodotto. Ciò significa che non ci sono effetti a lungo termine come la tolleranza con il CBD.

Leggi di più : THC vs CBD: quali sono le differenze?

A differenza della marijuana, quando si tratta di CBD, invece della tolleranza al CBD, c’è un problema noto come tolleranza inversa. La tolleranza inversa è anche chiamata sensibilizzazione alla droga. È dove c’è bisogno di meno di un prodotto come l’olio CBD per ottenere gli stessi benefici di prima. Con il CBD, si sviluppa la tolleranza inversa, più si utilizza il prodotto CBD. Il dosaggio CBD di cui avete bisogno continua a diminuire lentamente nel tempo. Questo tipo di tolleranza avviene perché il CBD, attraverso i suoi numerosi prodotti come l’olio di CBD, funziona aumentando l’attività dei recettori all’interno del corpo a causa della mancanza di THC.

Pertanto, la risposta alla domanda è: “No, non si può sviluppare la tolleranza alla CBD”.

La CBD aiuta a ridurre la tolleranza?

L’assunzione di cannabinoidi è rischiosa perché il corpo costruisce la tolleranza nel tempo. L’introduzione di THC nell’organismo provoca regolarmente la saturazione del corpo con il componente, specialmente nel sistema endocannabinoide. Come accennato in precedenza, si lega al sistema ogni volta che viene introdotto nel sistema. Tuttavia, poiché la tolleranza continua a crescere nel tempo, il sistema diventa saturo con l’elemento, causando così la tolleranza. Il cervello diventa desensibilizzato e meno ricettivo ai prodotti cannabinoidi.

Tuttavia, la tolleranza e i suoi effetti non sono permanenti. Ciò significa che può essere invertita. Questo perché i recettori dei cannabinoidi nel corpo non sono inclini a legarsi con il THC introdotto. Pertanto, non c’è ragione per cui il corpo debba rifiutare di lasciar andare la saturazione dei componenti. È anche possibile invertire gli effetti del prodotto e la conseguente tolleranza, perché il corpo può sopravvivere senza i benefici dell’elemento.

Non c’è modo migliore per superare la tolleranza che usare un altro prodotto cannabinoide come il CBD. Pertanto, il CBD e i suoi prodotti come l’olio CBD possono abbassare la tolleranza perché ha alcune somiglianze con altri prodotti cannabinoidi. La differenza principale è che non ha THC, che causa tolleranza in primo luogo. Tuttavia, entrambi provengono dalla pianta di cannabis.

Anche se la CBD può essere utile quando si tratta di abbassare la tolleranza alla cannabis, ci vuole tempo. È naturale che l’organismo manifesti sintomi di astinenza dal non usare prodotti regolari. Sintomi di astinenza come sbalzi d’umore e ansia non possono essere evitati, tra gli altri effetti fisici e psicologici.

Per ridurre al minimo gli effetti, potrebbe essere necessario partecipare al ciclo dei cannabinoidi. Il ciclismo dei cannabinoidi è il luogo in cui si passa spesso da prodotti ricchi di CBD a prodotti ricchi di THC. Questo ciclo di CBD aiuta a integrare il sistema endocannabinoide con diversi prodotti. Ciò aiuta a diminuire la desensibilizzazione del sistema e quindi ad abbassare la tolleranza.

Inoltre, il CBD, attraverso prodotti come CBD oil, ha l’effetto opposto nel sistema endocannabinoide. Come già detto, il CBD provoca una tolleranza inversa. Pertanto, questo può essere molto utile quando si tratta di abbassare la tolleranza da altri cannabinoidi. Il CBD lo fa promuovendo il tono degli endocannabinoidi, che ostacola la tolleranza. È qui che il sistema viene messo fuori sincrono e i recettori sono desensibilizzati.

Inoltre, il CBD agisce come antagonista in quanto riduce l’affinità di legame dei recettori. Questo li rende insensibili ad altre forme di cannabinoidi. Il CBD aiuta l’organismo a produrre gli endocannabinoidi da solo. Quando l’organismo lo fa, non richiede gli elementi da una fonte esterna, da qui l’aspetto della tolleranza inversa.

La CBD fa davvero qualcosa?

Gli effetti del CBD nell’organismo sono per lo più concentrati sul sistema endocannabinoide. Il sistema è costituito da recettori dei cannabinoidi che si trovano in tutto il corpo, e sono responsabili della regolazione di diversi scopi all’interno del corpo. Tali scopi includono, tra gli altri, l’influenzare l’umore, l’appetito e la memoria. Quando il CBD viene introdotto nel sistema endocannabinoide attraverso prodotti come l’olio CBD, ha un impatto diretto. Ad esempio, il CBD inibisce la produzione di FAAH, il cui ruolo è quello di abbattere e indebolire l’anandamide. L’anandamide è importante nella generazione del piacere e della motivazione. Un aumento dell’anandamide aumenta la generazione degli effetti positivi di cui sopra, il che è un vantaggio del CBD.

La CBD influenza anche il FABD, che trasporta gli enzimi per essere scomposti e metabolizzati dalla FAAH. Interferendo nel processo di trasporto si ottiene un minore metabolismo dell’anandamide e quindi un aumento della sua concentrazione e dei conseguenti benefici del CBD.

Inoltre, il CBD si lega ai recettori delle proteine G all’interno del corpo. Il ruolo dei recettori è quello di regolare il dolore, la temperatura e l’infiammazione. Legando il CBD a questi recettori, il CBD aiuta ad alleviare l’infiammazione e il dolore. Per questo motivo, l’assunzione di CBD è raccomandata per scopi medici a causa del suo impatto sullo stato fisico e mentale dell’uomo. L’assunzione di prodotti CBD come l’olio CBD può aiutare ad alleviare il dolore e a gestire i disturbi mentali come la depressione e l’ansia.

Si può diventare dipendenti dal CBD?

Ora che la questione della tolleranza della CBD ha trovato una risposta, la prossima ovvia domanda riguarda la dipendenza. La tolleranza e la dipendenza dalla CBD sono due cose completamente diverse. La dipendenza è, tuttavia, strettamente correlata alla dipendenza, e lo stesso non si può dire della tolleranza. È naturale sperimentare alcuni effetti collaterali quando si usano i prodotti CBD per la prima volta, poiché la CBD è una sostanza estranea al proprio corpo. Tuttavia, il CBD non è un prodotto psicoattivo. Ciò implica che il CBD non influisce in modo significativo sui recettori ECS. Il CBD aiuta l’organismo a produrre endocannabinoidi. Pertanto, non si può diventare dipendenti dall’olio di CBD.

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

sette + 16 =